Emergenza Coronavirus: decreto “Cura Italia” e altre novità normative

È  stato emanato il Decreto Legge 17 marzo 2020 n. 18 (c.d. “Cura Italia), recante “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.”

Il provvedimento, articolato e complesso, contiene norme destinate ad incidere in vari settori, sia della vita privata delle famiglie che del lavoro e dell’economia in genere.

Suggerisco, in particolare agli imprenditori, ai lavoratori autonomi e ai lavoratori subordinati, di rivolgersi ai propri consulenti fiscali di fiducia per valutare la possibilità di accedere a misure a sostegno del reddito e di sostegno finanziario alle imprese, nonché ad altri benenfici.

Il DL non modifica né deroga significativamente le disposizioni precedentemente assunte dal Governo in materia di spostamenti.

Segnalo, tuttavia, l’Ordinanza del Presidente della Regione Emilia Romagna del 18 marzo 2020 (ovviamente applicabile anche nel Comune di Ravenna) che ha chiuso al pubblico parchi e giardini pubblici, disponendo che l’uso della bicicletta e lo spostamento a piedi siano consentiti esclusivamente per le motivazioni ammesse per gli spostamenti delle persone fisiche (lavoro, ragioni di salute o altre necessità come gli acquisti di generi alimentari). Nel caso in cui, invece, la motivazione sia l’attività motoria (passeggiata per ragioni di salute) o l’uscita con l’animale di compagnia per le sue esigenze fisiologiche, si è obbligati a restare in prossimità della propria abitazione.

L’Ordinanza ha anche ristretto l’apertura degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e di rifornimento carburante a quelli della rete autostradale e, per quelli posti lungo la rete delle strade extraurbane principali, unicamente dalle ore 6.00 alle ore 18.00 dal lunedì alla domenica.

Ricordo che viene suggerito di utilizzare l’apposito modulo di autocertificazione messo a disposizione dal Ministero dell’Interno: può essere compilato prima di uscire, oppure anche sul momento in caso di controllo da parte delle Forze dell’Ordine.

Tra le norme più significative del Decreto Legge n. 18/2020 segnalo quelle relative a:

  • potenziamento del Servizio sanitario nazionale;
  • misure di sostegno al lavoro subordinato;
  • misure di sostegno della liquidità attraverso il sistema bancario per piccole e medie imprese;
  • moratoria mutui “prima casa” per lavoratori autonomi;
  • misure di sostegno finanziario alle imprese (micro, piccole, medie);
  • supporto alla liquidità delle imprese mediante meccanismi di garanzia rilasciati da Cassa Depositi e Prestiti S.p.A.;
  • misure fiscali a sostegno della liquidità delle famiglie e delle imprese;
  • sospensione dei versamenti di ritenute, contributi previdenziali e assistenziali;
  • sospensione dei termini degli adempimenti e dei versamenti fiscali e contributivi;
  • crediti di imposta per sanificazione negli ambienti di lavoro e per botteghe e negozi (C/1);
  • sospensione dei termini dell’attività degli Enti impositori e dei termini di versamento dei carichi affidati Agente riscossore;
  • incentivazione del c.d. “lavoro agile”;
  • misure in favore del settore agricolo della pesca;
  • rinvio delle udienze dei procedimenti civili, penali, amministrativi e tributari e sospensione del decorso dei termini dei relativi atti processuali sino al 15 aprile 2020;
  • rimborso dei contratti di soggiorno e risoluzione dei contratti di acquisto di biglietti per spettacoli musei e altri luoghi della cultura;
  • proroga dei termini nel settore assicurativo.

19 marzo 2020

Avv. Stefano Franchi

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi